Anziani: il Rapporto mondiale Alzheimer

World Alzheimer Report (2011). Sono 36 milioni i malati di Alzheimer in tutto il mondo, un milione in Italia. Quasi tutti i casi sono diagnosticati in ritardo, con pesanti ricadute su società e sistema sanitario. La percentuale maggiore dei casi diagnosticati in tempo (20-50%) si concentra negli stati ricchi, il 10% in quelli poveri. La prevenzione farebbe risparmiare ai governi 10 mila dollari per malato l’anno. La stima per il futuro: 115 milioni di malati nel 2050. Questi i dati del rapporto mondiale Alzheimer 2011 “I benefici di diagnosi e interventi tempestivi”, a cura di un’equipe di ricercatori coordinati da Martin Prince, docente all’Istituto di psichiatria del King’s College di Londra. Le indicazioni che emergono dal rapporto: promuovere corsi di formazione rivolti a medici e altri operatori sanitari per sapere individuare prontamente la demenza; creare un network di centri diagnostici specialistici in grado di formulare piani di cura; diffondere il decalogo per la diagnosi messo a punto dall'Organizzazione mondiale della sanità; incrementare la ricerca. (Testo in inglese)

Scarica il testo completo (pdf)

Aree tematiche: Anziani - Disabilità - Psichiatria

Tags: Anziani - Demenze - Alzheimer